18 ott 2017

The Mealstrom called testing

Being a tester means entering a weird world, 

DISCLAIMER: if a fellow tester reads this post, she could feel offended. DON'T.
Read it with irony and self criticism. I write thinking of me, in primis, and I'm not offended because I have been, in turn, everything I've written. Consider it a chance to laugh a bit with yourself.

A while ago, in Isabell's Ravelry group the moderators asked us if we wanted to be in the testing pool. I said to myself, why not?

So, I agreed to be included.
Well... a tester's life is .... weird.

Pros are:
1. you feel obliged to BO a project in a determined time. This means you consume a huge amount of stash (hurray), a lot more than if  you were let by yourself and it means a lot more sweaters done. I'm at a point where I buy sweaters only if they are knitted in ultrathin yarn (which I wouldn't knit even under torture). 
2. if you're noisey, you'll have a pattern preview of patterns that you would have bought anyway.
3.you don't pay for said pattern. You'll not go bankrupt for a pattern purchase but it's still quite satisfying. 
4. you can decide if you want to join the test or not, there are no obligations. Even if the guilt of refusing a test eats you alive 

Cons are: 
1. the deadline-anxiety nibbles at you for all the duration of the test. 
2. It there's an error in the pattern and you don't notice it, there's a fat chance it will be pointed out AFTER you've knitted past it. Andt that's not nice, believe me. 
3. often the tests are secret. This forces you to stay silent and endure your friends teasing about how "you're doing nothing". it's a bit annoying if you're in the middle of point 1... and worse if the point 1 is a direct consequence of point 2 and you're unraveling half a sweater or 300sts of seamed BO. 
4. you feel obliged to agree to a test even if you have already 200 wips or requests and you fear that, if you refuse, they won't write to you anymore (and you like doing tests). The point 1 begins to nibble at you because you know that you have to finish in time but you have too many other wips.
5. as a consequence of the previous point,there's the anxiety you get when you become aware that there actually was another test and you weren't called. you begin trying to convince yourself you're victim of statistics but fear that you've deluded for the last time.

When you read this list, you ask yourself why do I still do tests...

...

You want an answer? I don't have one! One that hasn't to be censored, at least.

When I'll have it, I'll write about it a post, so I'll have something to write. 


There are different kind of tester: 

1. The Professional
These are warmachines.
They take the pattern, have already the yarn ready, begin knitting and without missing a step, in two weeks have knitted a XXL that fits perfectly, modeled it and wonder if they should knit another one,  In the meantime you're hitting your head on a sharp corner because you're in full point Con 1 derived from 2 (and that probably was only in your lousy M size) or drowning in deadlines because you quite stupidly agreed to do 2 tests at the same time (but the other one was an headband... MISTAKE).

2. The Incited
These testers are honoured of being testers and convinced that they are better than others because they and XXX (place you favourite designer's name here) are thick as thieves.
If you speak with them, they'll find a way of pointing out that they are doing a lot of supersecret tests of which they cannot speak but will say everything. 
At the bar: 
"Do you want  a cappuccino or an espresso?"
"mah, which fits better with the yarn that I'm using for the superdupersecrettest of the hat that XXX (place you favourite designer's name here) is doing and that has cute two-coloured braids and beads in the inside for massaging the scalp?"
The incited tester get's sick if the designer doesn't post on the project page her Fo pic. It's always nice to see your Fo in the official page, but for them is a State business. 

3. The Normals
These one are the boring one. They already have the wool (or they order it and it arrives in the right time), get gauge, knit without great fuss, post regularly photos, finish in time and send cute modeled photos. these are the most... luckily, for otherwise it would be a mess...

4. The Miraculous
These are the ones whom happens always something unexpected that seems like a disaster. The wool doesn't arrive, the dog chews their needles, they get a burning pink eye that makes them blind for three weeks... but in the end the finish in time, post modeled pictures and all is right WITHIN THE DEADLINE. Grrrr

5. The Messy
I think these ones are included like the disabled persons at work (In Italy, the law says that over a certain amount of workers,  in a working place, there must be a percentage of persons with disability). The law (which one, I have no idea, but there must be one) says it... or they are simply pitied.
There's always something that doesn't work, the wool doesn't arrive (and it really doesn't), they run out of it or the photos are something that not even a 3-years old child would produce with a camera covered in bacon.... or they just never meet the deadline.

6. The Creative
This is a group that, like the messy ones, you don't understand why is always included in the tests. 
There are the ones that want to join the tast... with something else.
"Oh, what a nice striped and cropped sweater with raglan sleeves... I'll knit it with a lace pattern, long and set in sleeves because I like it best. Oh, and it will be a CARDIGAN".
They want to knit another thing, completely different... 

7. The Phantoms
This testers join, receive the pattern, say which yarn they'll choose and disappear. IN the end they post a photo (often not modeled), write down the yardage and annotations and are done.
If there's an error they see, they point it out but otherwise they never ever get involved in the lovely chit chat that it a great part of a test.
When you say ESSENTIAL.

Everyone of us tester did fit in at least one of this category, in her life as a tester, because you know that a test is always an adventure.

And perhaps this is the charme that makes you check eagerly the mailbox everytime a sneak-peek of something is postend in the instagram pages od the designers.

11 ott 2017

il vortice risucchiatutto chiamato Test

Le TESTER, questo universo complicato...

DISCLAIMER: se qualche mia amica tester leggerò il mex, finirà sicuramente per offendersi... non lo fate, per favore. Prendete le cose con ironia ed autocritica. Siamo tutte tester e prima o poi ci siamo cadute tutte in uno di questi stereotipi. Prendiamolo come un 'occasione per farci due risate.

Tempo fa sul gruppo ravelry di Isabell chiesero chi aveva piacere ad essere inserito nella lista di tester di Isabell. Visto che a me piacciono tanto i suoi pattern mi sono detta, perchè no?

E mi sono iscritta.
Ecco... la vita del tester è una vita particolare.

I pro sono che:
1. ti costringe volente o nolente a finire le cose in breve tempo. Questo porta ad un consumo dello stash (evviva) più sostenuto che se fossi lasciata a me stessa e aumenta il numero di maglioni e scialli fatti per me. Sto passando alla fase in cui di maglie compro solo quelle sottilissime che non farei neanche sotto tortura.
2. se sei un'impicciona, vedi in anteprima dei pattern che probabilmente avresti fatto comunque
3. non paghi detto pattern. Non vai fallito se lo compri, ma cmq è una piccola soddisfazione in più.
4. puoi scegliere se vuoi farlo o no. Questo ti permette di avere una certa libertà d'azione. Anche se i sensi di colpa quando dici di no ad un test ti rodono il fegato :-D

I contro sono che
1. l'ansia della scadenza ti consuma durante tutto il lavoro
2. se per caso c'è un errore nel pattern e non sei tu quella che lo nota, c'è la forte possibilità che tu venga messa al corrente quando quella parte l'hai già finita... il che non è bello. Proprio per niente
3. spesso i test sono segreti. Questo ti costringe ad un silenzio stampa che si riflette sulla tua "immagine pubblica".... ok, detto così è una cavolata ma è leggermente irritante sentirsi dire che non fai nulla quando sei in pieno punto 1... per non parlare del punto 1 che è diretta conseguenza del punto 2 (cioè sei in piena ansia perchè hai sbagliato mezzo maglione, devi disfare e rifare e hai una scadenza).
4. ti senti in dovere di accettare anche se in quel momento hai 200 richieste o impegni ma il detto punto1  continua a far capolino all'orizzonte e quindi SAI che se non accetti potrebbero dire che non vale la pena riscriverti (e in fin dei conti a te piace partecipare ai test) .ma al tempo stesso DEVI fare anche altro e potresti non finire in tempo.
5. come diretta conseguenza del punto 4 c'è il punto 5, cioè l'ansia che ti viene quando vieni a sapere che in effetti hanno fatto altri test e non te l'hanno comunicato e comnici a chiederti se è solo una cosa statistica o se in fondo hai deluso le aspettative.

Detto così uno si chiede perchè continuo a fare test...

...

Volete uan risposta? Mica ce l'ho, IO, una risposta.  Una che non sia passibile di censura, almeno. 

Quando l'avrò ci scriverò un post. Così almeno scrivo qualcosa.


Poi ci sono i vari personaggi "tester":

1. I Professional
sono le macchine da guerra.  
Quelle che prendono un pattern, hanno già la lana pronta, lavorano senza perdere un colpo e in massimo due settimane finiscono maglioni XXL che calzano alla perfezione. In due giorni postano tutta una serie di foto splendide e rincarano (senza alcuna malizia, perchè loro sono veramente sopra a noi) che il pattern era così bello che stanno pensando di farne un altro... mentre tu stai sbattendo la fronte contro uno spigolo particolarmente appuntito perchè sei in pieno punto 1 derivato da 2 (che era magari un errore presente solo nella tua infima e odiosa taglia M) o stai affogando perchè hai avuto l'ideona di accettare due test (il secondo è per una fascia per capelli, che sarà mai? ERRORE) contemporaneamente.

2. le Fomentate
sono quelle che sono onorate di essere tester e vogliono che tutti lo sappiano.
Se parli con loro, troveranno il modo per farti presente che al momento hanno uno o più test supersegreti di cui non possono assolutamente parlare ma di cui ti dicono tutto.
Al bar: 
"vuoi un cappuccino o un caffè?"
"mah, secondo te quale si intona meglio con la lana che sto usando per il cappello supersegreto di XXX (mettete qui il nome che preferite) di cui non posso dirti nulla ma che è bellissimo perchè ha le treccine in due colori e le perline dentro per farti il massaggio alla fronte?"
La tester fomentata si ammala letteralmente se poi la designer non mette le sue foto sulla pagina progetto. E' proprio un affronto. Ovvio che chiunque ha piacere a veder apprezzato un prodotto ma per la fomentata è un affare di Stato,.

3. Le Normali
Queste sono le noiose. Hanno già la lana oppure la ordinano e arriva in tempi giusti lavorano senza problemi, postano le foto e finiscono nei tempi normali. Mandano le foto dopo un tempo ragionevole e hanno fatto. Sono la stragrande maggioranza, per fortuna, sennò sai che casino. Però... sai anche che noia... 

4. Le Miracolose
Sono quelle che hanno sempre qualche imprevisto ma che poi, guarda caso, si risolve tutto. Non arriva la lana, il cane gli mastica i ferri, vengono colpite da una congiuntivite fulminante che le rende cieche per due settimane... però poi finiscono tutto cmq entro lo scadere del termine. Grrrr

5. Le Casinare
Secondo me queste vengono messe nei test come le quote disabili nelle aziende. Perchè ci devono essere per legge (quale non lo so, ma dev'essere per forza così) oppure semplicementre perchè fanno pena. C'è sempre qualcosa che non va, la lana che non arriva (ma poi non recuperano miracolosamente) o finisce o sbagliano o fanno foto orribili e incomprensibili dei lavori finiti o semplicemente non riescono a star dietro a tutto e finiscono per cannare il termine. 

6. Le Creative
Questo è l'ultimo gruppo, un altro di quelli che ti chiedi perchè viene incluso nei test. 
Sono quelle che vogliono partecipare al test... ma con un'altra cosa.
"Oh, che bello questo maglioncino corto con manica raglan a righe... io però vorrei farlo con la manica a giro, un punto operato senza righe, lungo e a CARDIGAN".
Fondamentalmente vuole fare un altro maglione.  O sono fortemente miopi o... vabbè, proseguiamo

7. I Fantasmi
Queste tester arrivano, prendono il pattern ed alla fine (più o meno in tempo) postano i parametri finali (quanto filo hanno usato, le foto del prodotto finito).
Se c'è un errore lo fanno notare con un messaggio. Stop.
Quando si dice l'essenzialità.

Come dicevo nel disclaimer, prima o poi ci siamo passati tutte attraverso almeno una di queste fasi perchè se fai test sai che ogni volta è un'avventura. 

Cmq per quanto convulso e particolare sia essere una tester, i test sono come le ciliegie... uno tira l'altro.

Quindi continui a controllare la mail e accettare test... perchè proprio non se ne può fare a meno.